Consigli eco-chic per riciclare trucchi e cosmetici
X
MERCATOPOLI.IT
VENDI CON NOI
NOTIZIE
SHOP
NEGOZI
APRI CON NOI
MY MERCATOPOLI
CONTATTACI
Consigli eco-chic per riciclare trucchi e cosmetici
Giovedì 05 Luglio 2018

Una passione di tante donne è quella per trucchi e cosmetici. Si tratta di articoli che spesso vengono acquistati d’impulso e che altrettanto spesso vengono lasciati da parte prima di essere finiti. E così, ci si ritrova il bagno stipato di rossetti inutilizzati, ombretti lasciati a metà creme e balsami che occupano spazio per niente. Sai che la maggior parte di queste cose si possono riciclare e riutilizzare? Basta un pizzico d’ingegno e di fantasia per ridare vita a trucchi e cosmetici.

riciclo-cosmetici-trucchi

Ecco alcuni spunti per te, ma tante idee eco-chic le puoi trovare nella nostra rubrica Vivere smart!

Come riciclare l’olio Johnson’s Baby

Non sai cosa farne dell’olio Johnson’s Baby che non usi più? Non gettarlo, perché puoi riciclarlo.

Come riutilizzare il balsamo

riciclo-balsamoLa scelta del balsamo non è mai semplice: alcuni ungono troppi i capelli, altri li lasciano secchi ed altri ancora potrebbero avere una profumazione che non piace. Cosa farne del balsamo avanzato? Non serve buttarlo sprecandolo inutilmente, perché si può riutilizzare. Come? Ad esempio se hai delle Barbie puoi usarlo per ridare vita alle loro chiome. Con il passare degli anni infatti, le bambole si spettinano e i capelli si riempiono di nodi. Se vuoi far felice tua figlia o tua nipote, ridando alle loro Barbie la bellezza di un tempo, fai così: metti il balsamo avanzato in una tazza e allungalo con un po’ di acqua. Intingi la testa della bambola e lasciala in ammollo per circa 4 ore. Alla fine pettina i capelli, risciacqua con acqua calda e asciuga con il phon. Ma ci sono altri modi per riusare il balsamo, eccone alcuni interessanti:

Come rigenerare ciprie e ombretti sbriciolati

riciclare-ombretti-ciprieSarà capitato anche a te di far cadere una cipria o un ombretto e di ritrovarlo sbriciolato all’interno della confezione. Che fare? Niente panico, c’è una soluzione anche per questo. Ombretti e ciprie possono essere resuscitati, secondo due varianti:

1. Estrai l’ombretto rimasto dalla cialda e sbriciolalo il più possibile. Rimetti l’ombretto sbriciolato dentro alla cialda. Bagnalo con dell’alcool o con del liquido per lenti a contatto. Pressa l’ombretto cercando di ricompattarlo. Una volta asciugato sarà tornato come nuovo.

2. Estrai l’ombretto dalla cialda e sbriciolalo il più possibile. Aggiungilo ad uno smalto trasparente e avrai creato uno smalto nuovo super glamour.



Come trasformare i rossetti avanzati

A volte una trousse può trasformarsi in un cimitero di gloss e rossetti di diversi colori, comprati sull’onda dell’entusiasmo o sotto la spinta da shopping compulsivo. Di solito dopo qualche mese di utilizzo rimangono lì ad occupare posto per niente. E se invece li rigenerassi?

Cosa serve:

Cosa fare:

1. Preleva con il bastoncino di legno i fondi dei rossetti avanzati. Metti a riscaldare a fuoco lento l’acqua in un pentolino, e versaci all’interno il contenuto che hai prelevato, così facendo permetterai ai fondi di rossetto di sciogliersi lentamente.

2. La fiamma deve continuare ad essere bassa, non dovrai mai far bollire la crema liquida, perché il colore del rossetto potrebbe alterarsi. Una volta ottenuto il composto desiderato, aggiungi due gocce del tuo olio naturale, proprio per amalgamare al meglio la crema ottenuta dai rossetti.

3. Fatto questo versa il risultato all’interno di un barattolino e il tuo rossetto sarà pronto per essere utilizzato con un pennellino da labbra. Ma questo prodotto personalizzato e unico, potrà essere utilizzato anche come blush in crema da stendere con un pennello da fard.

Conosci Mercatopoli? È il network di negozi dell’usato che ti aiuta a dare nuova vita alle cose. Scopri chi siamo e cosa possiamo fare per te.


I contenuti correlati che potrebbero interessarti

Riuso creativo per tutti!
Lunedì 26 Aprile 2010
Raul Salani: Teste Matte - riciclo creativo!
Lunedì 29 Agosto 2011
Il Museo del Riciclo
Lunedì 05 Aprile 2010