5 metodi naturali e sostenibili per pulire l'argenteria - Mercatopoli
X
MERCATOPOLI.IT
VENDI CON NOI
NOTIZIE
SHOP
NEGOZI
APRI CON NOI
MY MERCATOPOLI
CONTATTACI
5 metodi naturali e sostenibili per pulire l'argenteria
Giovedì 08 Novembre 2018

L’argenteria è il pezzo forte della tua tavola e non vedi l’ora di utilizzare quelle splendide posate a Natale. Ahimé forchette, coltelli, vassoi e teiere si sono annerite, ed ora stai cercando un metodo veloce, ma soprattutto semplice e naturale per pulire tutto prima delle feste. Non ti preoccupare, l’argento può tornare lucido e senza alcuna traccia di ossidazione se seguirai le nostre soluzioni economiche ed ecologiche.

pulire-argenteria-ecologico

Se per pulire l’argento hai sempre utilizzato prodotti chimici e costosi, che il più delle volte rischiano di essere troppo aggressivi e di rovinare invece di lucidare, in questo articolo scoprirai come renderlo perfetto grazie a semplicissimi ingredienti naturali che sono facilmente reperibili in ogni casa e che sicuramente non danneggeranno la tua argenteria.

Come pulire l’argenteria con il bicarbonato

Il bicarbonato di sodio annovera un gran numero di proprietà tanto da tornare utile nelle faccende domestiche, nella pulizia del bagno, come anticalcare o per neutralizzare i cattivi odori della lettiera del gatto. Il bicarbonato quindi è un’alternativa sostenibile perfetta per pulire l’argenteria. Ecco come procedere:

  1. Per prima cosa porta ad ebollizione dell’acqua. Una volta giunta ad ebollizione, versala in una ciotola foderata con dell’alluminio per circa tre quarti della sua capienza. Senza fogli di alluminio l’efficacia del bicarbonato di sodio sospeso in soluzione acquosa sarebbe solo parziale. Questo metodo naturale per lucidare l’argento è efficace proprio grazie alla reazione che avviene tra alluminio e sali d’argento. Mentre l’alluminio reagisce formando dei sali, l’argento annerito presente sulla superficie dell’oggetto da trattare viene riconvertito in argento metallico.

  2. Calcola 2 cucchiai di bicarbonato e 1 cucchiaio di sale per ogni litro d’acqua. Versali nella ciotola e scioglili nell’acqua calda. Il fumo bianco e lo sfrigolio che osserverai sarà del tutto normale, non schizzerà addosso né provocherà bruciore nell’inalarlo.

  3. A questo punto immergi nella soluzione salina l’argento da pulire. Aiutati con dei guanti in gomma o una pinza per non scottarti. Nel riempire la ciotola con i tuoi oggetti in argento, inizia dalle posate e adagiale sul fondo facendole aderire per bene all’alluminio. A differenza degli altri utensili, le posate sono quelle che subiscono di più l’ossidazione e necessitano di qualche minuto in più di immersione.

Vuoi scoprire tante pratiche green e intelligenti? Segui la nostra rubrica Vivere smart.



Altri metodi ecologici per pulire l’argento

prodotti-green-per-pulire-argenteriaSODA: Per utilizzare questo ingrediente dovrai sciogliere almeno 2 cucchiai in acqua calda e una volta che il liquido sarà freddo dovrai immergere l’argenteria. Dopo un paio di ore la patina scura sarà completamente rimossa e tutto risplenderà come se fosse nuovo.

DENTIFRICIO: Il dentifricio per l’igiene dentale può essere un ottimo sostituto dei prodotti chimici per pulire l’argento annerito. Per rendere tutto splendente e pulito basterà strofinare delicatamente il prodotto per i denti direttamente sull’argenteria. Non utilizzare mai una spugnetta troppo dura, questa potrebbe rigare la superficie, meglio un panno in cotone o una vecchia maglia di lana. Dopo alcuni minuti il dentifricio inizierà a scurirsi e a questo punto si dovrà rimuovere con l’acqua. Nel caso fossero rimasti ancora degli aloni scuri, ripeti l’operazione una seconda volta, asciugando tutto con cura.

SUCCO DI LIMONE: Dopo avere spremuto l’agrume e ottenuto il succo dovrai versarlo direttamente sulle superfici da lucidare con l’aggiunta del bicarbonato. Dopo aver passato la soluzione con un panno in stoffa sull’argenteria lavando con l’acqua noterai subito il cambiamento.

ACETO E BICARBONATO: Questa soluzione composta da una miscela di aceto e bicarbonato di sodio è particolarmente adatta a quegli utensili che hanno molte scanalature e sono difficili da pulire completamente. Per rimuovere anche questo tipo di aloni basterà utilizzare uno spazzolino con setole morbide e sfregarlo nelle zone più difficili. Dopo aver passato bene l’impasto rimuovi l’eccesso con acqua e asciuga bene.

Vendere ciò che non usi fa bene al mondo, scopri Mercatopoli!


I contenuti correlati che potrebbero interessarti

Cucina: metodi semplici di pulizia (prima parte)
Giovedì 04 Settembre 2014
Pulizie eco: il bagno
Martedì 03 Febbraio 2015
Cucina metodi semplici di pulizia (seconda parte)
Sabato 06 Settembre 2014