Abbigliamento usato vs fast fashion: i vantaggi della sostenibilità - Mercatopoli
X
MERCATOPOLI.IT
VENDI CON NOI
NOTIZIE
SHOP
NEGOZI
APRI CON NOI
MY MERCATOPOLI
CONTATTACI
Usato vs fast fashion: i vantaggi della sostenibilità
Giovedì 04 Luglio 2019

80 miliardi di capi di “moda veloce” sono prodotti ogni anno. Secondo stime recenti elaborate dal Waste & Resource Action Program, il 30% degli abiti acquistati resta appeso negli armadi, mai indossato. Una percentuale equivalente finisce ogni anno in discarica dopo essere stato utilizzato, in media, meno di cinque volte, ma spesso anche dopo un solo uso. In totale 14 milioni di tonnellate di abiti e tessuti usati sono gettati via ogni anno nel mondo, di cui solo il 16% viene riciclato (fonte: EPA – Environmental Protection Agency). Come consumatori, cosa possiamo fare per contrastare le conseguenze deleterie della fast fashion?

fast-fashion

I costi ambientali e sociali della fast fashion 

Con l’espressione fast fashion si fa riferimento a quelle aziende di abbigliamento che producono e vendono capi economici e alla moda, proponendone continuamente di nuovi. Quali sono le conseguenze di questa moda dagli altissimi costi ambientali e sociali?

SOSTANZE TOSSICHE. L'industria tessile è la seconda più inquinante al mondo, dopo quella del petrolio. Oltre duemila sostanze chimiche, molte delle quali sono tossiche per l'ambiente e la salute, sono utilizzate per produrre i nostri abiti e accessori finendo sulla nostra pelle, influendo sul nostro sistema ormonale e aumentando il rischio di allergie e tumori.

SPRECO DI ACQUA E ENERGIA. Ogni anno nel mondo si confezionano tre miliardi e mezzo di pantaloni di jeans: per produrre un paio di jeans si sprecano quasi 4mila litri d’acqua, si utilizzano 12 metri di terreno e 18,3 Kw/h di energia elettrica. L’intero ciclo di vita di un paio di pantaloni porta all’immissione in atmosfera di oltre 30 kg di anidride carbonica.

SFRUTTAMENTO UMANO. I ritmi di produzione del Fast Fashion sono sostenibili solo producendo in paesi come l’India, la Cina, la Cambogia o il Bangladesh dove il costo della manodopera è molto basso e spesso i lavoratori (anche bambini) sono sfruttati e costretti a lavorare in condizioni di mancata sicurezza. I bambini sono costretti a lavorare in tutta la filiera tessile anche per 12 ore al giorno percependo stipendi che non consentono loro una vita dignitosa.



Un consumo sostenibile è possibile con Mercatopoli

abbigliamento-greenPer fortuna il tema della sostenibilità e dell’economia circolare è sempre più centrale nel settore della moda, sia per una maggiore attenzione dei produttori sia per una accresciuta consapevolezza da parte dei consumatori. È possibile cambiare l’industria tessile semplicemente modificando il modo in cui consideriamo i nostri vestiti. Dobbiamo imparare a essere scrupolosi, a leggere le etichette, a fare attenzione ai materiali di cui sono fatti i nostri abiti, a ragionare sulla loro provenienza, ad assicurarci che i diritti dei lavoratori siano rispettati.

Preferire la produzione locale, ricorrere a tessuti non tossici, incentivare il riutilizzo e imparare a rinunciare al superfluo sono tutte strade percorribili. In particolare comprare abbigliamento usato è una scelta sostenibile che porta con sé due grandi vantaggi:

  1. L'abbigliamento usato è stato lavato numerose volte e quindi avrà meno sostanze nocive nelle fibre dei suoi tessuti.

  2. Acquistare un capo usato vuol dire rimetterlo in circolo, evitando che finisca in discarica troppo presto. Abbiamo visto prima quali danni provoca la continua produzione di abbigliamento, e sappiamo benissimo quanti vestiti usati sono a disposizioni ogni giorno in tutto il mondo. E allora perché non fare una scelta che unisce l'ecologia alla salute?

Nei negozi dell’usato Mercatopoli, presenti in tutta Italia, puoi trovare ogni giorno una selezione accurata di abbigliamento di seconda mano ma di prima scelta: senza difetti, di ottima fattura, bello e sostenibile, a chilometro zero, che può ancora essere indossato e apprezzato. Cerca il punto vendita più vicino a te e inizia subito uno stile di vita ecologico, sano per la tua salute e per l’ambiente.


I contenuti correlati che potrebbero interessarti

Boom dell'abbigliamento usato: vale 24 miliardi di dollari
Giovedì 04 Aprile 2019
Quanto fanno "bene" gli abiti nuovi? Occhio a ciò che metti!
Giovedì 14 Novembre 2019
Moda usa e getta: cos'è e come evitarla
Giovedì 22 Agosto 2019